Nera

Non si è trattato di un incidente l'investimento di un pedone sulle strisce di una strada di San Lazzaro di Savena. A motivare il mandante e la persona ingaggiata che ha "messo sotto" uno studente maggiorenne e incensurato, infatti, sarebbe stata la gelosia: il suo amico, che non accettava la nuova relazione dell'ex fidanzata e accusava la vittima di "avergliela rubata", aveva appena avuto un diverbio con il nuovo compagno della ragazza. Il giovane è stato investito ben tre volte prima che l'aggressore si desse alla fuga lasciandolo inerme sull'asfalto. Dopo il soccorso del 118 e la corsa in ospedale gli sono stati diagnosticati 15 giorni di prognosi per le lesioni subite. L'automobilista e il mandante rischiano un provvedimento per lesioni personali colpose, oltre che per omissione di soccorso.

 

***

'Cicerone' abusivo fermato dalla Polizia locale

Si spacciava per guida turistica ma in realtà non aveva alcuna licenza. Sono stati alcuni comportamenti del 62enne residente a Modena a insospettire gli uomini della Polizia Commerciale in borghese martedì mattina scorso. L'uomo stava distribuendo a una ventina di turisti le audioguide in via Indipendenza, quando gli agenti in borghese hanno effettuato un controllo: il gruppo, iscritto a un circolo ricreativo, stava versando le quote per il giro turistico, ma la guida è risultata priva del tesserino e dell’abilitazione. Il sessantaduenne dovrà pagare una multa di mille euro per l’esercizio della professione di guida turistica senza abilitazione.

 

***

Arrestato spacciatore con tutta l'attrezzatura in via dè Ruini

 

 

Si aggirava in modo sospetto tra via delle Tovaglie e via dè Ruini, per questo i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia Bologna Centro hanno arrestato un 46enne con precedenti e disoccupato che aveva con sé 100 grammi di droga tra cocaina, eroina e hashish, oltre quasi 9.000 euro in contanti, tre bilance digitali e del materiale adatto al confezionamento delle dosi. L'uomo, un tunisino già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dopo la perquisizione.