degustazioni

Prelibatezze alimentari e calici di ottimo vino delizieranno le papille di tutti i buongustai. Sono sette le date di Tramonto DiVino 2021, il road show del gusto dell’Emilia-Romagna che da oltre quindici anni promuove i prodotti Dop e Igp regionali insieme ai vini della guida “Emilia-Romagna da bere e da Mangiare 2021/22” di Ais Emilia e Romagna, consegnata a tutti i partecipanti all’evento. 

Alberto Zambianchi, presidente Unioncamere Emilia-Romagna, ha presentato il tour decantando la regione per le sue eccellenze enogastronomiche: «Forte di 45 prodotti a marchio Igp e 30 prodotti Dop nel settore vinicolo, un patrimonio che vale 3,5 miliardi di euro all’anno».  La kermesse, giunta alla sua sedicesima edizione, partirà il 29 luglio da Cervia, in piena Notte Rosa, speciale serata in cui i prodotti alimentari saranno abbinati agli spumanti metodo classico. Il 4 agosto si passa per Forlimpopoli, dove in piazza Garibaldi si festeggia il compleanno di Pellegrino Artusi con i vini regionali nell’ambito della Festa Artusiana. L’evento è ormai consolidato, dimostrandosi capace di consolidare la tradizione enogastronomica del territorio anche grazie a Unioncamere Emilia-Romagna, Enoteca Regionale Emilia-Romagna, in sinergia con Associazione Emiliana Sommelier e i vari consorzi, oltre che Strade dei vini e dei sapori. 

Il tour prosegue poi in Romagna, il 6 agosto, dove si chiude con la location più suggestiva: la Piazza Spose dei Marinai a Cesenatico. In Emilia si sbarca il 1 settembre a Ferrara, in piazza XXIV Maggio, in una città che ha sempre risposto bene alla manifestazione. L’8 settembre appuntamento a Reggio Emilia, nella centrale piazza Martiri. Piacenza ospiterà l’evento in piazza Cavalli, Il 18 settembre, nell’ambito della rassegna "Un Mare di sapori". Tappa finale, il 21 novembre a Bologna nell’ambito del congresso nazionale dei sommelier di Ais, l’occasione migliore per far conoscere i prodotti regionali a tutto il mondo. 

Alessio Mammi, assessore all'Agricoltura e agroalimentare, è intervenuto esprimendo il suo entusiasmo per il prosieguo dell’edizione anche in quest’anno difficile: «E' l’occasione per far conoscere i nostri prodotti e  riappropriarci della nostra vita, nonostante i segni profondi lasciati dalla pandemia». L’evento, quest’anno, si è adeguato alle normative igienico sanitarie imposte dalla pandemia e si svolgerà quindi con cene e degustazioni contingentate. Gli ospiti saranno seduti e serviti a tavola, sia per quanto riguarda il cibo che il vino. Grazie alla collaborazione con l’organizzazione "CheftoChef" la cena servita avrà livelli di qualità molto alti. A ogni appuntamento di Tramonto DiVino i prodotti dei consorzi saranno serviti in abbinamento ai migliori vini della regione.  Ogni tappa, in particolare, avrà un vino emiliano e uno romagnolo da degustare insieme ai piatti preparati dagli chef. L’Emilia-Romagna, definita dall’assessore Mammi come “food-valley d’Italia”, è pronta a ospitare un nuovo grande evento itinerante che darà un sapore speciale all’estate degli emiliani romagnoli e non solo.