covid

Nell’estate del ritorno alla normalità, il Green pass è diventato il simbolo di un’ambita libertà di movimento di cui tanti sentono la mancanza.

Il documento, disponibile sia in formato digitale che cartaceo, è dotato di un codice Qr che può essere letto dagli operatori autorizzati. Il Certificato verde è il lasciapassare per partecipare a eventi pubblici, accedere a residenze sanitarie assistenziali o in altre strutture e – semmai dovessero tornare a essere istituite – spostarsi in entrata e in uscita nelle zone rosse e arancioni. Questo in Italia. Da domani la certificazione sarà valida anche come Eu digital Covid certificate e renderà più semplice viaggiare nei Paesi dell'Unione europea e dell’area Schengen. Il regolamento approvato dal Parlamento europeo, infatti, prevede che gli Stati dell’Ue non possano imporre ulteriori restrizioni (come quarantena, autoisolamento o test) di viaggio ai titolari di certificati.  

Ed è di oggi la proposta dell'assessore alla Sanità della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini, di lanciare una sorta di "Green pass" scolastico per evitare il ritorno della didattica a distanza anche in caso di future zone rosse o focolai. Lo ha detto a margine di una conferenza stampa: «Un'idea, che mi piacerebbe sottoporre alle autorità competenti è di considerare proprio la vaccinazione come elemento che possa di per sé scongiurare in qualsiasi scenario epidemiologico la didattica a distanza».

 

Il green pass certifica l’avvenuta vaccinazione, oppure l’essere risultati negativi a un tampone molecolare o antigenico nelle ultime 48 ore, o anche l’essere guariti dal Covid negli ultimi sei mesi. 

È il Ministero della Salute a rilasciare il pass. Dopo la vaccinazione o il test negativo, quando la certificazione sarà pronta (ma non è chiaro dopo quanti giorni), si riceve un messaggio via sms o email, ai contatti comunicati nel momento in cui si è fatto il vaccino o il tampone o è stato rilasciato il certificato di guarigione; il messaggio contiene un codice di autenticazione.

A quel punto, per ottenere la certificazione, si possono seguire diversi canali. Sul sito del Governo sarà possibile scaricare la versione stampabile del pass accedendo tramite Spid oppure con la tessera sanitaria in combinazione col codice di autenticazione ricevuto. In alternativa si potrà trovare la certificazione nel proprio fascicolo sanitario elettronico. O ancora il green pass si può ottenere, in versione elettronica, attraverso le app Immuni e Io.

Si potrà anche avere la Certificazione verde con l’aiuto di un medico di famiglia o di un farmacista che, accedendo al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare il pass. In quest’ultimo caso servirà mostrare il codice fiscale e i dati della tessera sanitaria.