L'INIZIATIVA

«Da oggi ci mettiamo in ascolto e sono felice di cominciare questo tavolo. Auguro a noi di saper ascoltare». Esordisce così agli Stati Generali del centrodestra Valentina Castaldini, consigliere regionale di Forza Italia e organizzatrice dell’evento politico insieme a Marco Lisei (Fratelli d’Italia) e Giuseppe Vicinelli (Lega).
Noi saremo solo moderatori – ha spiegato questa mattina a InCronaca il consigliere regionale – è un momento di ascolto della città». Otto giorni di confronto e dialogo con associazioni, comitati e sindacati, che parteciperanno a tavoli tematici con solo una domanda di fondo: “Quali sono le priorità?”.
«In questi otto giorni – racconta Castaldini – siamo riusciti a raggruppare circa ottanta persone che rappresentano vari mondi e ogni giorno c’è un tema. Oggi aprirà il ciclo di incontri Raffaella Pannuti dell’Ant (Associazione nazionale tumori), che racconterà come è stato l’impatto del Covid rispetto alle cure a domicilio». I temi degli appuntamenti, programmati fino al 7 maggio, spazieranno dal welfare alle politiche abitative, dall’ambiente alle infrastrutture e alla scuola. Gli ultimi giorni si discuterà di cultura, turismo e sport. Tante le associazioni e i comitati che hanno accettato l’invito, tra cui Confesercenti, Confartigianato, Confagricoltura e Cna, Uisp e associazioni sportive, Ordine dei medici, Ordine dei commercialisti. Per i sindacati ci saranno Cisl, Uil e Ugl. «Noi abbiamo invitato tutti – continua Castaldini – anche se alcuni non hanno risposto». All’appello mancano infatti nomi importanti come Legacoop, Cgil e Arci. «Ci sono persone – punge il consigliere – che stabilmente decidono che ai loro occhi non siamo interessanti. Siamo abituati a queste dinamiche, ma continuo a credere che sia un’occasione persa». Oltre al dialogo costruttivo con le realtà locali, lo scopo degli Stati Generali vuole essere quello di trovare un candidato adatto per le amministrative di questo autunno. «Questi cicli di incontri sono un momento di contenuto e il nostro lavoro politico è trovare la persona che possa prendersi cura al meglio di quei contenuti. Siamo dell’idea di individuare quella persona entro maggio». L’azzurra si dice decisa a «evitare ai cittadini una telenovela, come quella che stiamo vivendo grazie al centrosinistra». Una frecciata verso il centrosinistra. «Secondo me basta fermare un cittadino per strada per chiedergli cosa pensa delle primarie. È veramente un dibattito fuori dal tempo, soprattutto in un momento storico drammatico come questo». E su Conti aggiunge: «Quello che emerge da questa storia è che lei è sempre stata pressata per essere moderata, ma oggi entra con tutti e due i piedi nel Pd. E, se dovesse perdere, dovrà sostenere il candidato sindaco di Bologna più a sinistra degli ultimi anni, cioè Matteo Lepore».

 

Fonte foto: Assemblea Legislativa