nera

Sono stati arrestati due uomini per possesso di stupefacenti nella giornata di ieri, entrambi pizzicati in zona Bolognina. L’area è sotto il controllo delle forze dell’ordine per via del fenomeno dello spaccio: gli agenti, in borghese e in divisa, hanno recentemente esteso il “giro” alle zone limitrofe dopo il gran numero di segnalazioni dei residenti. Dopo l’arresto di un ragazzo di 23 anni di qualche giorno fa, fermato a bordo di un taxi con un chilo di hashish, la Polizia si è convinta che spesso siano proprio le auto bianche a far da mezzo per gli spacciatori, convinti di limitare le possibilità dei controlli. Alle 12 di ieri gli agenti hanno seguito un taxi nel quale era entrato un uomo sospetto: dopo il controllo in Via Zanardi, il passeggero, un ragazzo marocchino di 26 anni, senza dimora, clandestino e con numerosi precedenti è stato trovato in possesso di 120 dosi di cocaina impacchettate, pari a 75,67 grammi. È stato arrestato anche un altro spacciatore fermato su un taxi poco dopo, un uomo di 55 anni originario del Marocco, trovato con tre involucri di plastica contenenti 62 dosi di cocaina, per un peso pari a 41 grammi, oltre che 340 euro in contanti. 

 

 * * *

 

In via San Donato è stato arrestato un uomo romeno di quasi quarant’anni per lesioni e possesso di oggetti atti a offendere, nello specifico un coltello e una pinza. La vittima è una donna romena di 36 anni, ex fidanzata dell’uomo, con il quale aveva avuto una storia di tre anni, finita in malo modo da diverso tempo. La dinamica è stata ricostruita dagli agenti grazie alla segnalazione di una donna che vive nel palazzo teatro della lite, e da alcuni famigliari della donna presenti: l’uomo, ubriaco, si sarebbe presentato a casa dell’ex compagna pretendendo un confronto, il clima si è scaldato in fretta e dalle minacce e dagli insulti si è passati alle mani. È addirittura intervenuto il figlio tredicenne della donna che è stato anch’egli aggredito dall’uomo. Medicati sul posto dopo l’intervento della Polizia, solo la donna ha avuto bisogno di accertamenti, trasportata al Sant’Orsola, è stata prevista dai medici una prognosi di una settimana per via dei colpi al viso e allo stomaco. L’uomo è stato arrestato ed è ora in carcere in attesa di convalida.